Quando mi guardi – Robert Adams

Quando mi guardi cos’è che vedi? Tu vedi tutto ciò che sei stato programmato a vedere. Non vedi realmente, vedi i tuoi programmi. Ad esempio, se sei cristiano sarai tentato a dire “Però, Robert è una sorta di Cristo”; se sei stato educato all’agnosticismo, dirai “Non so che diamine è Robert”; se la tua formazione è giudaica, dirai “Robert è veramente un gran rabbino”; se è buddista, dirai “Robert è un Bodhisattva”; se sei stato allevato in una famiglia di ladri, dirai Continua a leggere →

L’Abitante della Soglia

Un estratto dal libro di John M. Grenafege “Sedere sulla porta aperta del cuore” Dimora sempre e solo sulla soglia aperta della Presenza. Dimora là senza parole né storie da ripetere di continuo nella tua testa. In questo modo l’immagine del mondo rimane com’è. La continua ripetizione nel flusso dei pensiero di una storia personale del mondo porta a ‘credere’ che i concetti siano veri. Naturalmente tutti i concetti e le credenze appartengono a un ‘me’ rafforzato dal pronome Continua a leggere →

II Sé è come la luce di un proiettore

Studente — Ciao Sergio. È giusto dire che Turiya è coscienza consapevole e che l’amore per manifestarsi ha bisogno di Turiya ma non viceversa, cioè che Turiya per manifestarsi ha bisogno dell’amore. Maestro — No, l’amore e la consapevolezza sono due aspetti intrinseci al Sé. L’amore conduce alla comprensione che ogni cosa ha la nostra stessa natura: “Meraviglia delle meraviglie, tutte le cose hanno la natura del Buddha” si dice che abbia detto il Sakyamuni sotto l’albero Continua a leggere →

Krishna

— Maestro, quel è la ragione simbolica del colore scuro della pelle del Signore Krishna? — È blu scura, o meglio, nera. Egli simbolizza il vuoto oscuro. Il sadhaka che è uno col buio vuoto interiore è uno con Krishna. — È molto strano, perché Krishna è conosciuto come il difensore del Dharma nel significato di “comportamento etico”, ma nella Bhagavad Gita egli parla come se fosse Shiva e ora tu mi dici che lui rappresenta anche il nero vuoto interiore… Mi chiedo:  cos’ha Continua a leggere →