abbandono al Guru

D: Posso avere la grazia del Guru?
R: La grazia è sempre presente.
D: Ma io non la sento.
R: L’abbandono farà comprendere la grazia.
D: Mi sono abbandonato anima e corpo ma ancora non sento la grazia.
R: Se ti fossi abbandonato non ci sarebbero domande.
[Sii Ciò che Sei]

Non amate abbastanza il Guru. Non tutti, alcuni. Ma se io dico questo voi capite che dovete migliorare la relazione con Sergio, scrivergli di più, fargli dei complimenti ecc.

Il Guru è il Sé e sta dentro, però può anche apparire come Maestro esterno. Il Maestro esterno della nostra famiglia è Sri Ramana, gli altri, me compreso, sono suoi assistenti.

Coltivate l’amore e l’abbandono al Guru altrimenti non potrete scivolare nella beatitudine del Silenzio senza mente. Disciplinatevi a cogliere l’amore e la bellezza del Guru in ogni cosa. La vostra devozione al Guru dev’essere tale da spazzare via tutte le barriere!!!

Che vuol dire devozione al Guru? È come un koan, dovete scoprirlo. Insistete e lo scoprirete <3

L’amore per il Guru dev’essere superiore all’attaccamento all’io individuale.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Uno dei maestri risponderà alle vostre lettere.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio, Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.