allora chi sono?

Allieva [riferendosi alla meditazione dinamica]: — È stata molto forte, forse troppo, forse non ero pronta, all’inizio mi frenava la mente con una sorta di imbarazzo poi sentivo dentro di me una grande energia. Era come una sorta di gioia ma anche una specie di disperazione; mi veniva voglia di ridere e di piangere e di urlare e di correre, i movimenti che facevo non bastavano a fare sfogare quell’energia e l’ho repressa.
Poi non ho detto nulla perché ero frastornata e non sapevo esprimere ciò che sentivo; probabilmente mi sarei messa a piangere se avessi parlato.
Le pratiche successive mi hanno regalato quiete e un senso di affetto verso le persone presenti.
La pratica del giorno prima, quella di scrivere i pensieri, mi ha dato la consapevolezza che la mente è altro da me e questo mi dà un senso di sollievo, come liberarsi da un peso, ma anche confusione, perché se non sono i miei pensieri e le mie emozioni allora chi sono, cosa sono? Possibile che sono niente?

Marco Mineo: — Chi sei dunque? Fai risuonare in profondità questa domanda. La confusione è della mente.
Quando scopri di non essere la mente, cosa sei allora?
Non afferrarti a nessuna risposta!
Mantieni la consapevolezza di non essere la mente.
Sei niente? Niente che la mente possa toccare, interpretare, afferrare.
Non essere la mente è essere Tutto.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Dialoghi dal Sangha, Marco Mineo. Contrassegna il permalink.