amore che si ama

— L’amore si ama talmente tanto che crea l’universo affinché possa amarsi… Questa cosa ha dell’incredibile, una magnificenza assoluta. Inconcepibile l’apparente miseria umana.

— Nell’Assoluto auto-imploso un lampo di amore, per se medesimo, la propria stessa bellezza e perfezione, squarcia la quiete – il cosiddetto lila divino. Ed è il mondo. La Coscienza che guarda se stessa come fosse altro da sé. L’apparente miseria umana viene dalle impressioni passate (il karma) che successivamente si proiettano come accadimenti nella vita. Diciamo che all’inizio della relazione l’Assoluto era piuttosto maldestro.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Uno dei maestri risponderà alle vostre lettere.
Questa voce è stata pubblicata in Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.