basta realizzare che non sei l’edificio

— Ho sognato di stare in un edificio molto grande che per qualche motivo, a breve, doveva esplodere; ma ero tranquillo: inizialmente perché c’era un ambiente interno che non avrebbe subito danni lasciandomi incolume, poi perché ho capito che non sarebbe avvenuta nessuna esplosione.

— Quand’è che nella vita hai pensato che ci sarebbe stata un’esplosione?

— Quando ho pensato che sarebbe stata necessaria una ‘pulizia’ radicale per ottenere la realizzazione.

— Fino a far esplodere l’edificio, che è il corpo-mente. Poi hai visto che c’era un ambiente interno che non avrebbe subito danni e che tu saresti rimasto incolume. Poi ti sei reso conto che non era necessaria nessuna esplosione: basta realizzare che non sei l’edificio. Bel sogno! 😉

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Uno dei maestri risponderà alle vostre lettere.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio, Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.