brevi momenti ripetuti più volte al giorno

— Salve, seguo sempre con molto interesse il vostro sito che mi aiuta parecchio ad approfondire l’insegnamento di Ramana Maharshi, anzi più di una volta leggendo gli articoli ho capito tanti dettagli importanti per la mia pratica. Ho un dubbio però che spero possiate sciogliere, nella pratica di meditazione dopo un lungo periodo di prova finalmente ho capito Atma Vichara ovvero il rivolgere tutta la mia attenzione verso l’interno, verso me stesso… Sensazione indescrivibile.

— Ottimo! Questa è la prima sfida.

— Poi però mi chiedo: come mi dovrei comportare nella quotidianità?

— A intervalli regolari prendi una pausa e riporta l’attenzione sul Soggetto percipiente, anche solo per pochi secondi se non hai tempo.

— Mi viene naturale cercare di essere presente a me stesso, conscio, sveglio e contemporaneamente essere presente all’esterno senza commenti senza avere concetti interiori. Mi spiego meglio. Se passeggio percepisco il mio essere e contemporaneamente sento il calore del sole, il canto degli uccellini, il silenzio tra gli alberi… Naturalmente questo stato lo perdo e lo riacquisto più volte durante la giornata. Non è stabile mi domando è questo il giusto modo di procedere?

— Sì: brevi momenti (o periodi più lunghi) ripetuti più volte al giorno. Poi gradualmente si dilatano.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio, Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.