che cos’è sahaja samadhi?

Dai Satsangha di Francis Lucille

Che cos’è sahaja samadhi?

Il termine sahaja samadhi è di solito usato in relazione al nirvikalpa samadhi. Il nirvikalpa samadhi è l’esperienza della nostra vera natura: c’è la presenza, la conoscenza e la gioia della nostra eternità. Il naturale processo di realizzazione dopo nirvikalpa samadhi è il sahaja samadhi. Dopo il nirvikalpa samadhi, dopo l’esperienza della gioia estrema, il mondo riappare e di solito riappaiono anche i vecchi schemi del pensiero e del sentire. Riappare perciò anche il senso di separazione ma, poiché che il ricordo della pace e della gioia intensissima del nirvikalpa samadhi, è ancora forte e vivido, il riapparire del mondo è accompagnato da un profondo desiderio di tornare al nirvikalpa samadhi. Per un po’ spingiamo per ritornare all’esperienza del nirvikalpa, ma alla fine ci rendiamo conto di essere ancora in una prospettiva di separazione duale poiché distinguiamo tra il nirvana, la coscienza pura, e samsara, il mondo fenomenico.

Allora nasce la domanda: “Da dove scaturisce il mondo, dove risiede e dove va a finire?” Ovviamente la risposta è: “la Coscienza”, e arriva proprio dall’esperienza del nirvikalpa samadhi. Poi segue un’altra domanda: “Se il mondo scaturisce dalla coscienza, esiste nella coscienza e svanisce nella coscienza, allora qual è la sua vera natura?”. Un’unica risposta è possibile: “la Coscienza stessa”. Al che segue ovvia l’ultima domanda: “Perché stai cercando il nirvikalpa samadhi se tutto è coscienza? Dimora semplicemente nella quiete ovunque tu sia”. Tutt’a un tratto ci rendiamo conto che la nostra vera natura è sempre presente in tutte le circostanze, che tutto è Dio e che non c’è nulla che non lo sia. Questo è il sahaja samadhi, lo stato naturale.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Uno dei maestri risponderà alle vostre lettere.
Questa voce è stata pubblicata in Francis Lucille e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.