come funziona la sadhana

Vorrei farvi capire come funziona la sadhana nella via di jnana e nel raja yoga.

L’abbandono alla mente è impurità, debolezza, inconsapevolezza, confusione.

La concentrazione crea purezza, e questa purezza si tramuta a un certo punto in abbandono: l’aspirante si concentra per rimanere sulla sensazione di ‘io’, a un certo punto, dovuto alla purezza, questa stessa concentrazione si tramuta in meditazione permanente senza sforzo: lo stato naturale.

Perché allora altre vie che usano la concentrazione non hanno lo stesso immancabile successo? Perché per ingenuità usano la concentrazione per sopprimere i contenuti che durante la pratica affiorano alla coscienza per autodissolversi; in questi modo impediscono la purificazione. Ad esempio: mi concentro sull’io e mentre lo sto facendo affiora il desolante sentimento di non essere amato. Poiché il maestro mi ha detto di concentrami, lo rifiuto e forzo per mantenere la concentrazione sull’io… Non andrò molto lontano.

L’equilibrio tra concentrazione e osservazione delle contenuti mentali cambia man mano che aumenta la purificazione. Mentre all’inizio dobbiamo distogliersi dalla concentrazione e osservare il contenuto, più avanti questo potrebbe attraversare spontaneamente la nostra coscienza senza che ci distogliamo dalla concentrazione. È un equilibrio dinamico che con buon intuito o una buona guida si setta (mette a punto) bene.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Uno dei maestri risponderà alle vostre lettere.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.