chiudo gli occhi e sono lì, consapevole di ciò che sono

Prima del Ritiro:
Chi si sente agitata?
Chi si sente tesa?
Chi valuta ciò negativamente?
Chi vorrebbe qualcosa di diverso da ciò che è in questo momento?…

Il corpo piano piano ha cominciato a cedere, ad ammorbidirsi, lo sentivo quasi oscillare e cadere un po’ in avanti, come se non ci fosse più controllo.
Sentivo la velocità di pensieri e sensazioni, ma non ero più io la ‘scheggia impazzita’…
Osservavo ciò che si muoveva così velocemente e che fino a poco prima mi era sembrato che fossi io quel movimento convulso.

Ora non mi percepivo più in nessun punto… non ero più da nessuna parte.
Ero come l’acqua, fluida e senza forma.
Ogni pensiero era come un cerchio creato da un sassolino lanciato sull’acqua che, se lasciato libero di espandersi ed esprimersi, raggiungeva la sua massima espansione per poi dissolversi…
Piano piano tutto cominciava a tacere, sentivo di sprofondare sempre di più dentro me…

Adesso chiudo gli occhi e sono lì, consapevole di ciò che sono…

Anna Gagliano

Anna 01b