consapevolezza consapevole della consapevolezza

consapevolezza consapevole della consapevolezza
beatitudine estrema
nessuna forma, nessuna creazione.
se credi che ci sia qualcosa da vedere, da correlare, da fare…
sei già fuori…

la consapevolezza della consapevolezza:
solo consapevolezza!
non più un ente individuale
non più comunicazioni da dare
non più cose da fare:
solo consapevolezza!
questo è il vero turiya

renditi conto che il tuo ‘io’ è consapevolezza non individuata
renditi conto che l’osservatore è consapevolezza
indirizza un flusso di consapevolezza sulla consapevolezza
e rimani lì senza fare altro
lascia che il samadhi avvenga da solo senza sforzo
quando il tempo è maturo

se invece della consapevolezza cogli meglio l’essere
allora fa la stessa cosa con l’essere.
renditi conto che il tuo io è puro ‘essere’ non individuato
ecc.

quando sei consapevolezza non individuata
le cose si fanno, non le fai tu come io individuato,
non ne hai più la responsabilità e la preoccupazione.
questo non significa essere inefficiente,
quando arriva l’ora, la cosa si fa.

non essendo tu l’attore dell’azione,
non sei distratto dalla consapevolezza;
ci va un po’ d’abitudine…

allo stesso modo
non devi fare avvenire tu il samadhi
puoi rimanere ‘rilassato’ nella consapevolezza.
quando arriva l’ora,
il samadhi avverrà

in Realtà, con la ‘R’ maiuscola,
non c’è altra esperienza reale
oltre la consapevolezza consapevole della consapevolezza
(o del puro essere).
perciò quando si comprende questo, non appaiono molti pensieri.
se appare un moto, lo si lascia andare e si torna alla consapevolezza.

stare nel Sé è troppo semplice, o troppo poco per la mente.
manca la movida…

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.