cos’è una mente debole e come guarirla

Carissimo,

tecnicamente parlando ti ritrovi una mente relativamente debole.

Debole nel senso che tutti i pensieri indesiderati possono farvi irruzione quando e come vogliono, avvelenandoti la coscienza.

Con una mente debole (relativamente) non si va da nessuna parte, anche se si è spiritualmente ben aperti al Sé. Sono certo che comprendi cosa intendo: ai Ritiri si è nel Sé, ma la vita può diventare un inferno. Diventa un inferno perché la mente è debole e lascia spazio ai pensieri di andare e venire come e quando vogliono.

BISOGNA RAFFORZARE LA MENTE!

Questa è la priorità nel tuo caso, non contattare il Sé, il nulla, o il silenzio; se vengono bene, ma la pratica che devi fare adesso è per rafforzare la mente.

Come si rafforza la mente?

CONCENTRAZIONE!!!

Il tuo lavoro richiede molta attenzione, quindi quando lavori sei già naturalmente concentrato, ma per tutto il resto del tempo, le pause eccetera… dato che sei afflitto dalla paura che le cose vadano male, devi mantenere il pensiero o sensazione o immagine (o tutte e tre) CHE ANDRÀ TUTTO BENE!, e non permettere ad altri pensieri di intromettersi. Se riesci scoprirai che la mente è magica.

Questa per ora è la tua sadhana, e non è solo contingente.

Una volta che hai rafforzato la mente e non permetterai più a pensieri indesiderati di avvelenarti la coscienza, niente ti ferma più!

Ti voglio bene.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio, Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.