il Darshan avviene da(l) Sé

– dal pomeriggio di diadi del giovedì –

Mi seggo in diade e al mio turno di partner che medita porto l’attenzione, cerco il silenzio, per tentare di stabilirmici. Accade che lo scorgo lì, come se fosse sempre presente ma nascosto dalla mia distrazione e come vi pongo invece l’attenzione e cerco di “acchiapparlo”. Mi sguscia dalle mani come una saponetta bagnata e la folla dei pensieri si scatena e agita e balla come i proverbiali topi. Descrivo quanto avviene e mentre sono lì, che sto descrivendo il rumore e l’ingombranza della mente, avviene che essa, semplicemente si spenga. Sono a metà di una frase e potrei tranquillamente nemmeno finirla, perché nulla più ha significato. Concludo la frase solo per rispetto della persona che ho di fronte e che mi sta dando attenzione. Ma da lì in poi la mente non è più. O meglio: essa è, ma l’IO SONO è ben di più. come una comparsa che dal proscenio retrocede verso il fondo del palcoscenico quando entra la prima donna, così fa la mente. Non ha nessun potere e attrattiva il guitto di corte, quando appare la diva suprema. Non riesce ad acquetarsi è nella sua natura continuare a borbottare e smaniare. Ma chi potrà portare attenzione al Rigoletto quando canta la Callas? Gratitudine, amore, energia, beatitudine. Ogni cosa è, e perfetta è. La completezza e l’appagamento sono totali. Nulla è da cercare oltre. tutto è qui. Il resto è un sorriso.

È lì che osservo il darshan che avviene. Lo posso solo osservare e non già dirigere. Non è un mio potere ma qualcosa che avviene ed è inarrestabile eppure non governabile, indirizzabile.
Al cambio sono nell’altro.

Al cambio ritorno al silenzio. Dal silenzio scendo nell’incoscienza e nel sogno.

Riemergo e tento di ritornare nel Sé. Sono solo una fotocopia. Un’identità di qualcuno che è nel Sé.

Solo se lascio che sia, è.

A fine diadi abbiamo fatto una condivisione. Gianni parlava di come oscilla dal Sé alla mente e io gli dato alcune indicazioni e abbiamo meditato insieme. intanto sentivo che il darshan avveniva anche in quel momento. ben presto eravamo tutti e tre (Caterina era andata, quindi sono rimasta con i due Gianni), seduti semplicemente a meditare, nel silenzio.

Poi siamo rimasti solo io e Gian e abbiamo cenato insieme. Gian è stato osservatore esterno di questo dokusan tra me e Gianni. mi ha detto che era come vedere Ananta con uno dei suoi discepoli a fianco.

Sara Salvatico Aniruddha

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.