Dopo aver riconosciuto il Sé

Dopo che uno ha riconosciuto il , per raggiungere la Liberazione è necessario che osservi a lungo quel grappolo di immagini mentali che fa apparire un Sergio (una Michela ecc.) che è il titolare dell’azione. Questi grappoli di impressioni funzionano in automatico come un software anche dopo che uno ha raggiunto nirvikalpa – il permanere nel Sé sena sforzo ma non ininterrottamente. Sono proprio loro a interrompere l’assorbimento nel Sé.

Quando finalmente ci si disidentifica da essi, resta solo il Sé asoggettuale e onnipervadente.

❖ ❖ ❖

After one recognizes Self, to reach the Liberation he/she has to watch for long that cluster of mental images which let a Sergio (or a Michela, etc.) appear to be the doer, the real subject. These clusters of impressions works automatically like a software even after one has attained nirvikalpa – abiding in Self effortlessly but not constantly. They are really what let abidance in the Self stop.

When we finally disidentify from them, there remains only the asubjectual (non-subjectual) all-pervading Self.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.