Happy death

Così bella così bella la morte
Le persone parlano di vita eterna,
ma la liberazione è prevalentemente, anzi totalmente
una questione di morte!
Morte di tutte le identità e degli attaccamenti ad esse legati.
Sì, è vero che quando tutto questo è morto
quello che resta è oltre la dualità di vita-morte,
ma la sadhana, diciamo come stanno le cose,
è morire sempre di più,
e se non è questo, allora non è sadhana…
Vivere è la droga!, per eccellenza! La più capziosa.
Ma siamo così assuefatti alla schiavitù
che ci rammarichiamo di perderla,
e auspichiamo che duri più…
La morte va seriamente riconsiderata,
almeno bisogna capire di averla fraintesa, mal interpretata.
Rajivji, amato Maestro,
sei il peggior killer che Hollywood abbia mai concepito.
Cercherò di imitarti
e di fare la pelle a quanti più devoti possibile.
Incredibilmente bella la morte…
Come non darla anzitutto ai propri casi?

Sergio Cipollaro

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Marco Mineo, Renato Cadeddu e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”.
Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore.

Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.