il monastero diadico

Siamo vicino ai Ritiri, ad aprile ce ne sono 3: in provincia di Alessandria, di Palermo e di Pordenone. Il richiamo del Dimorare nel Sé insieme ad altri, apparenti altri, ferventi devoti del Sé, fa levitare l’ispirazione. Sublimità.

A volte sogno il monastero diadico, con una pratica di autoindagine – o semplicemente Dimorare per chi e realizzato – che abbia momenti collettivi di meditazione diadica durante il giorno. Un orario ben più leggero che al Ritiro, che consenta le attività della vita quotidiana e relax, ma una pratica o un dimorare continui.

Quelli che hanno famiglia e lavoro potrebbero venire al monastero quando ne hanno la possibilità, e fare un’immersione che tenga il ‘sacro fuoco’ acceso, mentre i residenti risiedono sempre nel Sé. È questa l’interazione virtuosa tra coloro che possono immergersi totalmente nel Divino e chi ha ancora da fare nel mondo.

Così sono le cose. Per un certo tempo si fa il pendolare, si va e si viene dal Sé. Poi Dio ti prende e strappi il biglietto di ritorno, anzi… non lo trovi più…

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.