il nulla

Dovete capire che il NULLA è la Coscienza pura. La Coscienza pura, priva di contenuti (quindi non coscienza relativa) viene percepita dalla mente, che nello yoga è considerata il 6° senso, come NULLA. È come se guardaste in un pozzo in cui l’acqua è purissima e immobile. Voi dite “Non c’è NULA”, ma è acqua, e coscienza. Quindi il termine NULLA, o quello buddhista di VACUITÀ, usato nella spiritualità è affatto diverso dal termine ‘nulla’ usato nel linguaggio comune, che indica un’assenza.

Quando riconoscete che la Coscienza (chit) pura siete voi, allora c’è anche ‘Essere’ (sat), e quando l’io individuale scompare, allora c’è il samadhi, sat-chit-ananda.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.