il succo dell’insegnamento

Il succo dell’insegnamento di un vero Maestro, cioè di un maestro che guida alla realizzazione, è far capire al discepolo che tutta la fenomenalità è fumo, aria fritta.

Il Puro Essere-Consapevolezza, il Sé, c’è già, e non appena si acquieta il continuo flusso di identificazione con le proiezione della mente (la fenomenalità) appare da sé, così come appare il cielo quando non ci sono nuvole.

Questo non vuol dire che il realizzato sia apatico verso gli accadimenti della vita; gioisce se c’è da gioire, ma in ogni evento riconosce lo stesso Sé. Perciò è arreso a ciò che il Divino gli manda, non forza e non resiste come Sé – anche se la sua forma corpo-mente, che non è lui, potrebbe resistere, ad esempio al dolore per un incidente.

Il suoi centro, che Ramana chiama ‘il Cuore’ e che è sinonimo di Sé, non è negli eventi della fenomenalità, ma nell’Essere-Consapevolezza eterno e immutabile.

Se è il momento di vivere, vive e se è il momento di morire, muore. Cambia qualcosa??? Non per il realizzato!

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Uno dei maestri risponderà alle vostre lettere.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.