il terzo occhio

Al figlio del Guru è stato dato un occhio solo, ed entrambi gli occhi precedenti, gli occhi che vedono la dualità, sono stati portati via. Ciò perché quello che mostrano è falso. Così come gli occhi doppi sono falsi, è falso il mondo visto da questi occhi. Al discepolo del Sadguru è stato dato un occhio solo, e poiché è un occhio unico, vede solo UNO senza secondo. Il velo della dualità è stato rimosso. Il velo dell’illusione si è squartato, emerge il senso di Unità e tutte le divisioni sono sparite. Prima eri ingannato, ora quest’inganno è finito insieme al senso di separazione. L’unità è stata provata. I cinque elementi se ne sono andati, i pianeti se ne sono andati, i predicatori di illusione sono stati spogliati della loro predicazione. Una singola combinazione planetaria è nel destino di tutti: l’Unità. La costellazione non cambia e il suo padrone non cambia. Tutti i pianeti, insieme alle loro influenze sono ormai finiti, e le tre qualità – raja, tamas, Sattva – se ne sono andate, insieme ai sei nemici: ira, lussuria, avidità, desiderio, brama e orgoglio. Gli dei Vishnù, Brahma, Shiva, sono tutti andati a casa loro, solo Paramatma, l’UNO, rimane. Andata è l’ossessione per i cinque elementi. Il transito di Saturno e la fase di sette anni e mezzo di sventure che è stata associata ad esso, se n’è pure andato. Il jiva, che era stato aggredito dai fantasmi dei cinque elementi, si è dissolto. Rimane solo Dio eterno che non cambia. Originariamente Egli era puro e senza macchia, ora attraverso la discriminazione ha riacquistato la Sua ‘Purezza’. Stando tra gli uomini, Dio pensava di essere un umano, e nell’illusione Egli chiamava Sé stesso ‘io’.

Sri Siddharameshwar Maharaj
[da Master of Self-Realization]

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Uno dei maestri risponderà alle vostre lettere.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.