incredulo di come siano cambiate le cose

Ciao Marco. In questi ultimi giorni mi trovo tra due sensazioni.
Quando medito in camera sono incredulo. Incredulo di come siano cambiate le cose rispetto l’altra settimana. Dal dimorare con facilità anche per lunghi periodi, al passare la maggior parte del tempo della meditazione invaso da onde di pensieri… Cerco di accettare la cosa e restare nell’osservatore ma non è così facile.
Poi, durante alcuni momenti della giornata, quando cammino solo per esempio, percepisco, intuisco, che tutto quello che vedo sono sempre io, persone, animali, oggetti, il mio corpo, e sento che il senso di ‘io personale’ in quei momenti si fa un po’ da parte.
Mi sembra a volte una scena di un film che osservo da fuori.
So che c’è ancora mente in tutto questo, però è piacevole anche pensare che potrebbe essere sempre così, sempre in uno stato di amore e compassione verso parti di te che appaiono nella tua coscienza.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Dialoghi dal Sangha, Marco Mineo. Contrassegna il permalink.