l’osservatore

G. (dopo molte resistenze): — Maestro, mi risulta abbastanza semplice rimanere nell’osservatore. Probabilmente ero in conflitto perché volevo fermare il dialogo interiore per non restare ancorato alla mia storia personale. Con l’osservatore la mente non si ferma: a volte è molto agitata ed a volte meno, però riesco a vedere alcuni trucchi che usa per comandarmi. Probabilmente la meditazione formale non riusciva perché la facevo di sera ed ero troppo carico.

— Devi osservare. Non ti importa se la mente è ferma o agitata. tu devi osservare fermo, il moto non deve coinvolgerti. È per questo che ti ho dato questa pratica.
diavolo di un G… La tua resistenza a questa semplice pratica mi conferma che la pratica giusta per te.

— hahahah, ora sento delle ondate di energia pura, senza troppo identificarmi con la mente.. C’è molto libertà nell’osservatore.

— Esatto. L’osservatore è la libertà assoluta!

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio, Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.