la base del sonno desto

Malika: — Che assurdità quel fare che faceva colui [l’ego] che pensava di essere me.
Tornata a casa [dal seminario che ha guidato] testimonio questa pace che in me non ha fine.
Se qualcuno in me prova anche solo un istante a parlarmi di fare qualcosa, poi nessuno si muove, nessuno si scompiglia o si scuote.
Sono ancora in uno stato di trace senza volontà di azione, senza desiderio di null’altro di ciò che già in Realtà c’è ed è qui ora.

Sergio: — Lo stato di trace che descrivi è la base di quel che viene chiamato waking sleep, sonno desto. L’assorbimento nella vera Realtà, che è totale non-azione, mantiene naturalmente un forte distacco dall’illusione del mondo, e se anche emerge qualcosa nella mente (qualcuno in me prova a parlarmi di fare qualcosa) l’attenzione non ne è catturata.
Mi piacerebbe parlarti al telefono quando sei disponibile.

Sergio Cipollaro

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Marco Mineo, Renato Cadeddu e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”.
Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore.

Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio, Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.