la mente esiste solo perché esiste la dualità

— Come si fa a fermare i pensieri? Alcuni praticano la concentrazione della mente.

— Renditi conto di questo: LA MENTE ESISTE SOLO PERCHÉ ESISTE LA DUALITÀ.
Ci sono tanti oggetti e tante persone… molto a cui pensare…
Quando la dualità svanisce, chi pensa a che???
Perciò la via per cancellare i pensieri e rivolgersi al Sé e dimorarvi, cioè stare nell’UNITÀ.

Questo si ottiene in 3 fasi:

1. Nella prima fase l’aspirante si chiede: A chi appare questo? Chi sente quest’altro? Chi sta vivendo questa esperienza?
A che servono queste domande? A invertire la direzione dell’attenzione, abituata da un po’ di eoni ad aderire ipnoticamente agli oggetti, e a rivolgerla sul Soggetto della percezione. Il Soggetto della percezione è la sensazione ‘io’. l’ ‘io’ è alla base di ogni esperienza, senza ‘io’ non ci possono essere esperienze. Anche quando l’io è inconscio, come nel sogno profondo, voi dite ‘Ho dormito profondamente’, ammettendo che c’eravate anche quando l’io era inconscio.

2. Una volta individuato l’io piuttosto stabilmente, la seconda fase è rimanere in esso il più a lungo possibile. Allora scoprirete presto che quest’io che appariva individuale e separato dal resto dell’apparenza in realtà non è altro che il Puro Essere universale, senza forma, imperituro, immutabile, esterno e che Quello è il vero voi.

3. Nella terza fase ti fondi con l’IO universale, chiamato anche Sé, e la dualità cessa. Se riapri gli occhi e rivedi oggetti e persone, sai che sono tutte il Sé e che la differenziazione è solo apparente e illusoria, come in un sogno cosciente. Fine della dualità!

I metodi di concertazione per controllare la mente sono destinati al fallimento. Possono portare l’aspirante fino a stati di trance come lo yoga nidra, il sonno yogico, in cui la mente è ferma. L’aspirante allora se manca di una buona guida può essere indotti a credere di aver raggiunto la liberazione; ma non appena esce da yoga nidra, i pensieri riprendono virulenti come prima, perché la falsa visione/concezione della dualità non è stata cancellata.

Perciò l’unico metodo per eliminare i pensieri è stare nel Sé, che è la realizzazione.

La mente in sé non esiste come ente di origine dei pensieri, essa stessa non è niente di più che l’insieme dei pensieri…

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Uno dei maestri risponderà alle vostre lettere.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio, Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.