la sensazione di Te Stessa

— Caro Sergio, durante l’esercizio mi è sembrato di sfiorare la “comprensione” che c’è un io che pensa, agisce…. che è intrappolato dai pensieri, dalle convinzioni e “qualcos’altro”. Le emozioni erano molto forti ma potevo anche vederle.

Rileggendo le tue istruzioni mi sembra che l’esercizio che faccio e non è quello che mi hai spiegato tu. Mi piacerebbe molto parlare direttamente con te. Noi abitiamo in… È possibile vederci?

 

— Devi stare dentro la SENSAZIONE di TE STESSA, tutte le volte che puoi. Abituati a ritirarti lì dal tramestio della vita, PRENDI RIFUGIO LÌ! e a rimanerci il più che puoi.

Stare nella sensazione di TE STESSA, di IO, o IO SONO, dà gioia. Questo alla fine si tramuta nella REALIZZAZIONE.

All’inizio può sembrare di non fare bene l’esercizio perché questa sensazione di Io, ESSERE, di TE STESSA cambia. Tu puoi sentire che è la sensazione di essere il corpo, poi di essere la tua persona (Sergio, Francesca ecc.). Va bene!!! Devi solo continuare!

Col tempo ti renderai conto che questa Sensazione di Te Stessa, di Io, altro non è che l'ESSERE universale, La Coscienza Universale indivisa che noi chiamiamo , e l’illusoria sensazione di un “io individuale” si fonderà con Questo!

Questa fusione – che porta grande traboccante sopraffacente GIOIA – è Turiya e si centra nel Cuore Spirituale, che è a destra, specularmente opposto al cuore fisico; così abbiamo il cuore fisico a sinistra, il chakra del cuore, Anahata, al centro e il Cuore Spirituale a destra. Lo Jnani sente che il Sé, la Sensazione di ESSERE (che non è un centro, ma è tutto e oltre ogni cosa) emerge dal Cuore Spirituale, a destra di Anahata.

Perciò non demordere e insisti. Stai procedendo bene! Ricorda che non sono i sadhaka più bravi a vincere, sono quelli più TENACI. Nella spiritualità, come forse in tutte le altre cose, vince la tenacia, la perseveranza, il non dichiararsi sconfitti!!!

C’è una bella canzone, “The nearness of you”. Lei dice: “Non è la pallida luna ad emozionarmi e deliziarmi: è la TUA VICINANZA…”. Se tu fossi completamente innamorata, innamorata persa, avresti nel tuo cuore la sensazione di LUI, e ti ci appoggeresti, anche quando Lui non è fisicamente presente, e ti immergeresti nella sensazione di LUI, il tuo innamorato, come se fossi tra le sue braccia, fusa con LUI: WOW!!! Che Gioia indescrivibile!!! Gli innamorati non riescono mai a spiegare a parole l’intensità del loro amore tanta è la GIOIA…

Devi fare così per la sensazione di IO, di TE STESSA. Portala nel tuo cuore e ritirati lì, , stai lì, fino a fonderti col tuo Divino Innamorato: il

Io dovrei rientrare giovedì. Ci possiamo sentire su Skype o per telefono.

Goditi la canzone: http://youtu.be/8We0SwZHd9A

 

LOVE

 

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.