la sola consapevolezza, ovvero silenzio

Allievo: — Ciao Marco. Stasera ho letto un avvenimento segnato come sogno che mi è accaduto tempo fa:
Mi sveglio di mattina presto prima che suoni la sveglia, ascolto il profondo silenzio del mattino, e una voce da dentro dice: “Ecco, ascolta la voce di Dio”, poi ho continuato un sonno-sveglio sprofondando nel silenzio col sentimento che è la voce di Dio.

Marco: — Molto bello! Il silenzio è la voce di Dio, e Dio è consapevolezza, proprio la ‘tua’ consapevolezza!
La sostanza di tutto è silenzio e consapevolezza, non lo vediamo finché siamo assorbiti dagli oggetti della consapevolezza (corpo, mente, mondo).
Il sonno desto (waking sleep) è l’abbandono di ciò di cui si è consapevoli (proprio come nel sonno!), dimorando e ‘riposando’ come sola consapevolezza.
Nello zen si dice: “fermare il ruscello”. Ovviamente è impossibile! Ma dal punto di vista della consapevolezza non si muove né accade nulla.
Abbandonando le forme, tutto assume l’unica ‘forma’ della consapevolezza, ovvero del silenzio.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Dialoghi dal Sangha, Marco Mineo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.