l’abbandono continua anche dopo la realizzazione?

— L’abbandono continua anche dopo la realizzazione?

— La realizzazione è abbandono! L’aspirante vede la Grazia, che è il Sé, e si abbandona completamente alla Grazia. Fino a perdere cognizione del mondo… Ma anche quando i suoi sensi sono attivi e percepisce il mondo, egli è inattivo abbandonato alla Grazia; se qualcosa agisce è la Grazia, non lui.

Diventare il Sé altro non significa che essere totalmente abbandonati alla Grazia.

— Come si fa ad abbandonarsi?

— Devi continuamente contemplare la bellezza della Grazia in ogni cosa. Se tu pensi che il tuo ego ne sa più della Grazia, l’abbandono non è possibile.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Uno dei maestri risponderà alle vostre lettere.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.