lo sfondo di infinita quiete

Marco Mineo: — Sarvam annam (Tutto è nutrimento):
Lo stress per gli impegni che sembrano succedersi all’infinito può motivarti a comprenderti come originaria non-azione.
la confusione intensa può farti decidere di scindere finalmente il legame col pensiero e conoscerti come Silenzio.
La sofferenza intensa può farti decidere di vedere finalmente che CHI soffre è il corpo non tu.
Che ogni turbamento ti possa rendere consapevole di essere sempre lo sfondo di infinita quiete.

Fabrizio Torre: — Perfetto, cambierei solo una cosina: “La sofferenza intensa può farti decidere di vedere finalmente che CHI soffre è il corpo non tu”.
La sofferenza è mentale mentre il dolore fisico; dunque direi: “La sofferenza intensa può liberare dal soffrire portando a morte il sofferente”.

Commento di Sergio: — Quando si realizza la propria vera identità, si perde l’identità con io individuale, essa rimane solo come funzione per agire nel sogno della vita, ma lo jnani ha la propria identità centrata su in ‘potere’, come lo chiama Papaji (Poonja), eterno. Questo ‘Potere eterno’ è superiore a qualsiasi movimento che avviene in superficie e in esso non c’è nessuna identità di uno che soffre. Da qui il commento di Fabrizio: facendo morire il sofferente, si è liberi dalla sofferenza.

 

 

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.