l’orrore della sicurezza del pensiero

— Ho fatto delle diadi e ti scrivo qualcosa che continua a risuonare: “l’orrore della sicurezza del pensiero”.

— Cosa vuoi dire?

— Che il pensiero quando sorge è così certo della sua esistenza e della giustezza del suo assunto…

— Ah, ho capito! Poi la situazione si capovolge. Quello che avviene fuori da Turiya (l’autoconoscenza del Sé), incluso il pensiero, non riveste più grande importanza. In altre parole ciò che chiamiamo maya è realmente vissuto come illusione.
Tale premessa induce uno stato di grande abbandono, che è il letto su cui può distendersi lo stato naturale, il sahaja samadhi.
Poi non c’è più niente fuori dal Sé…

Condividi questo post:
RSS
Follow by Email
Facebook
Google+
http://www.itisnotreal.net/lorrore-della-sicurezza-del-pensiero/
Twitter