Maestro interiore e Maestro esteriore

Molto ricercatori pensano: “Tutti questi maestri… C’è un solo vero maestro, il Maestro interiore. Io seguirò quello”. In realtà essi non sospettano nemmeno la Realità di Shiva (qui il nome Shiva sta a indicare la nostra vera natura) che è oltre i concetti, dunque oltre la mente.

Certamente il vero Maestro è interiore; chiamatelo , Shiva o Assoluto. Se così non fosse, chi mai potrebbe portarvi all’autorealizzazione?

Ma è utile o meno un Guru esteriore?

Anzitutto va ricordato che un Guru, per essere tale, dev’essere un Liberato. Non affidatevi a un maestro-sadhaka, a meno che non sia direttamente collegato a un Mukta vivente.

Nisargadatta alla domanda: “Ma anche il Guru è un sogno?”, rispose brillantemente: “ Sì, lo è. Ma è un sogno che ti risveglia dal sogno!”.

Le scritture di verità hanno risolto il dilemma da millenni. Esse hanno classificato gli esseri umani in sette distinti livelli evolutivi di coscienza. Solo nel 7° livello (gente come Gesù, Ramana, Shankara, Buddha, Ramakrishna… per intenderci) il maestro interiore è così desto da non necessitare di un Guru esterno.

Non è così per tutti gli altri – anche se a sentire i ricercatori sembra che il mondo della spiritualità straripi di settimi livelli evolutivi.

La dinamica dell’ego è fortissima. L’ego è mosso da un comando cieco: “Sopravvivi!”, e non segue una logica umana. Se trova un modo di sopravvivere nel dolore, per lui va benissimo, e difenderà strenuamente quelle identità che mantengono in essere la situazione di dolore in cui vive, resistendo ad ogni miglioramento – quante volte lo avrete notato nelle persone… È inoltre estremamente, inimmaginabilmente camaleontico e quasi impossibile da riconoscere senza l’aiuto di un Maestro esterno.

Quello che è del tutto probabile che capiti a quei sadhaka che praticano senza abbandonarsi a un Guru liberato vivente (e che non sono al 7° livello evolutivo) è che l’ego assumerà le sembianze di Shiva, le sembianze cioè del Maestro interiore, e loro vi si abbandoneranno e lo seguiranno con le migliori intenzioni credendo di seguire la Verità, senza purtroppo accorgersi di stare solo seguendo e rafforzando l’ego.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.