menefreghismo o distacco?

— Quando non interagisci con i movimenti della mente, allora rimani immobile e appare il sole del Sé, l’hai notato? Non sono i movimenti della mente ad essere Il problema ma la tua interazione con loro. Se li lasci liberi non ti spostano, o se sono cose cui eri attaccata ti coinvolgono solo un po’ e il tempo necessario per esaurirsi. Tu rimani ‘centrata’.

— Sì, è vero. Noto che interagisco poco anche quando appaiono. Molto nello sfondo c’è il giudizio di essere lievemente menefreghista. Ma poi lascio andare anche quello.

— Il ‘menefreghismo’ che dici si chiama stato stabile. Robert Adams si prese cura della madre – con cui ebbe sempre un buon rapporto – quando si ammalò; ma quando questa morì rimase assolutamente indifferente, allora i parenti lo bollarono come anaffettivo… Quando raggiungerai la pace, il Cuore si apre nella compassione… Alcuni aspiranti con tendenze egoistiche possono rimanere bloccati in un distacco senza amore; ma non con un buon Maestro, l’insegnante non lo permetterebbe.

— Non sono poi tanto diversa da come sono sempre stata. Solo che non avevo gli strumenti per capire che ero più ‘giusta’ di quelli che si superpreoccupano di tutto. Mi sentivo anche un po’ stupida ad avere la mente vuota. Negli anni settanta, in ambienti di sinistra, il pessimismo era quasi sinonimo di intelligenza.

— Sì…

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Uno dei maestri risponderà alle vostre lettere.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio, Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.