molta difficoltà ad abbandonarmi

— Incontro molta difficoltà ad abbandonarmi.

— Rifletti. Cosa intendono i Maestri quando parlano di illusione, ignoranza, maya, sofferenza?

C’è una sola parola per traduce bene tutto questo: SEPARAZIONE!

Devi comprendere che non c’è particella subatomica che non sia Dio. Le tue stesse resistenze, debolezze, paure… sono Dio. Ciò significa che sei sempre in costante contatto con Dio, e che anzi non hai altro contatto se non con Dio stesso.

Abbandono significa COMPRENDERE QUESTO!

Sostieni costantemente questa comprensione con tutte le tue forze. Ravvivala non appena si offusca un poco nella tua consapevolezza. In questo modo purifichi la tua mente cancellando l’errata visione della separazione. Allora una tale mente sattvica, vedrà con chiarezza la Verità, e ti condurrà ad ‘essere’ Dio stesso, sarà una conseguenza naturale.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio, Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.