non sei la persona

non sei la persona
che si sveglia la mattina
corre tutto il giorno
e va a dormire la sera

sei quello che guarda la persona
che fa tutte queste cavolate
e quando capisci che non sei la persona
ti stufi di guardare le cavolate
e rimani nel Sé
perdendo più o meno il senso del mondo

e gli altri dicono “Ma come fa?”

perché mai dovrebbe essere interessante
guardare uno che si sveglia la mattina
corre tutto il giorno
e va a dormile la sera?

cala il silenzio
e la pace

……

Il silenzio deriva da questa mancanza di interesse verso la propria (per così dire) persona, la sua vita e il mondo. Non hai più niente da fare. I movimenti sono dettati dall’amore, ma è un amore impersonale, che non nasce da un io individuale. Nel caso di un realizzato, l’amore più proprio è ridestare un essere senziente alla sua vera natura. È così, è un movimento spontaneo, non c’è una ragione mentale.

Dovete lasciare avvenire questo disinteresse per la vita. All’inizio potrebbe apparirvi come una disfunzione. Abbiate fede… Poi arriverà il Silenzio, e poi la grazia di Ananda.

La persona e la sua vita e il mondo devono morire.
Allora siete il Sé. E non c’è più rinascita e morte.
Sennò avete esperienze beatifiche nei Ritiri e siete in braghe di tela nella vita.
“Chi muore mentre è in vita, non muore quando muore” dicono le Scritture.

Fabrizio Torre: — Quando appaiono momenti di vita più intensi, ricordatevi di portare l’attenzione verso il senso di essere e cercate di mantenerla lì il più possibile. Se vi distraete non importa, appena ve ne rendete conto tornate nuovamente al senso di essere… È tutto molto semplice (non dico che sia facile)… Vedrete che tutto accadrà spontaneamente.

 

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.