ping-pong

— Di solito, quando inizio a meditare, faccio una scansione del corpo per sciogliere le tensioni, in particolare quelle della mascella. Se dopo qualche minuto riporto l’attenzione lì, sento che un po’ di tensione si è già riformata. Allora la sciolgo di nuovo, ma dopo un po’ è ancora lì.
Te lo racconto perché nella meditazione di stamattina c’è stato questo ping pong e sono andata poco in profondità.
In analogia a quanto hai detto alla persona depressa immagino che mi dirai di restare lì e non fare niente. O no?

— La scansione delle tensioni del corpo, e poi il ritornare a quelle tensioni, per non parlare del ping-pong… nasce dall’idea “io sono il corpo”. Perché prima di meditare non fai una scansione delle tensioni dei tuoi vicini? Perché non sei identificata con quei corpi.

Vi è anche l’idea che il Sé risplende quando non vi sono tensioni. Il Sé risplende sempre, in ogni stato e sotto ogni condizione. Per questo l’autoindagine indirizza al Soggetto. Io non ha mai insegnato questa procedura. Ti invito a metterla in discussione. Vai a ‘CHI’ sente le tensioni del corpo invece di preoccuparti di quelle tensioni.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Uno dei maestri risponderà alle vostre lettere.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio, Dialoghi dal Sangha. Contrassegna il permalink.