poi, dietro a tutto, una Perfezione, una Grandiosità, un Amore indefinibile

Caro Sergio,

durante la pratica, insieme alla paura, arriva anche la sofferenza di uomini, donne, bambini. In tutta questa manifestazione non c’è tempo, perché è paura e sofferenza di altre epoche, non c’è spazio perché riguarda persone/storie che non conosco e che accadono in altri luoghi. Il mio Io si fa sempre più piccolo di fronte a questo. Ci sono domande che rimangono in sospeso: perché tutta questa sofferenza? Quale senso ha la mia storia che è una delle tante storie che accadono. Poi dietro a tutto percepisco, in modo per me non comprensibile con la logica mentale, una Perfezione, una Grandiosità e un Amore Indefinibile. Tutto è Amore. Anche il mio cuore è pieno di un Amore che abbraccia ogni cosa. Non è sempre così durante il giorno e ci sono ancora identificazioni da sciogliere ma in questo momento sento di voler chiudere gli occhi e lasciarmi trasportare da questo Amore Infinito.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Uno dei maestri risponderà alle vostre lettere.
Questa voce è stata pubblicata in Dialoghi dal Sangha. Contrassegna il permalink.