prendi un motorino e vai…

— Stanotte ho sognato di baciare una persona che negli anni ha cambiato molte fidanzate (tra le quali mai io) e che nella realtà credo che non si sia mai accorto di me, nel sogno per pochi minuti si è creato un grande spazio di vicinanza. Nel sogno, in una situazione molto complicata, subito dopo vedevo un ragazzino/ragazzina su un motorino perdere la visiera del casco. Facevo qualcosa e il risultato è che il ragazzino/ragazzina, che era tornato indietro, si trovava accusato di aver fatto qualcosa di male e io ero fra gli accusatori. Poi mi rendevo conto che in realtà il fatto poteva essere stato accidentale e che dovevo smettere.

— Il sogno è molto interessante. Il ragazzo che cambia molte fidanzate è un amatore. Nel sogno incarna il risveglio dell’amore, di shakti, su tutti i livelli.
Ora ti bacia e per pochi minuti si crea un grande spazio di vicinanza.
Subito dopo c’è l’immagine di un adolescente, che non si può decifrare né maschio né femmina, su un motorino. È l’immagine dell’energia vitale libera!
Questo adolescente perde la visiera del casco. Cos’è il casco: una difesa. Perdere la visiera del casco significa perdere la ragnatela di impressioni mentali che impedisce all’energia vitale di fluire libera, ancorandola a schemi mentali che la soffocano.
Ma questo viene visto come qualcosa di male, e tu sei eri tra gli accusatori. La domanda è: quand’è che hai deciso di censurare l’energia vitale????? Trova il momento, il perché, tutto il contesto…
È arrivata una nuova possibilità che passa attraverso il riconsiderare i codici, a partire dal codice delle strada… ❤

— Non facile. Dovrei ripercorrere una vita in cui la censura è stata la regola. Spero che si possa ancora imparare alla mia età ad andare in motorino…

— Non sei separata dalla vita stessa; anzi: Tu sei la Vita.
Questo fa sì che venga concesso alla vita di fluire mentre tu rimani pura consapevolezza che permea tutto.
Questo è l’abbandono a Shakti. Devi rimanere spettatore della vita.
Se divieni il conducente, allora quello è l’ego… e rimani intrappolata.
Questo è l’abbandono.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio, Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.