quando lo sforzo è continuo si trasforma in continuità senza sforzo

Allievo:
Ciao Marco. Mi sembra che il mind clearing funzioni meglio della meditazione con sforzo (forse perché non so ancora meditare).
Col clearing funzioni sto entrando nello stato meditativo spontaneamente. Ieri sera c’era silenzio con solo un briciolo di mente sotto forma di sensazione, non di pensiero/i, sovrapposta alla consapevolezza – lo so che non è ancora pura consapevolezza.
Con la meditazione formale faccio ancora un po’ fatica perché cerco di stare sulla consapevolezza che osserva la consapevolezza, ma è uno sforzo immane quello di riportare l’attenzione di volta in volta sulla consapevolezza, circa ogni secondo.

Marco Mineo:
Hai recepito bene la mia insistenza nel considerare centrale l’abbandono durante il mind clearing.
Se mantieni l’attenzione rilassata, noterai esattamente come avviene di entrare spontaneamente nello stato meditativo e potrai accedervi con sempre minore sforzo.
Non preoccuparti se la pratica formale ti richiede grande sforzo per il momento.
Quando lo sforzo è continuo a un certo punto l’attenzione passa dallo sforzo al senso di continuità. Ti accorgi che ad essere continua è solo la consapevolezza e non la mente.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Dialoghi dal Sangha, Marco Mineo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.