quanta importanza attribuisce alle letture edificanti e quanta all’autoindagine?

— Buongiorno Maestro. Posso disturbarLa? Gradivo chiederLe quanta importanza attribuisce alle letture edificanti e quanta all’introspezione ed autoindagine meditativa?
RingraziandoLa infinitamente, Le auguro un sereno weekend.
Con stima, S.

— Per comprendere la mia risposta devi comprendere che leggere un vero testo sacro non è una lettura, è PURIFICAZIONE MENTALE.

Sri Ramana ha spesso consigliato agli aspiranti più avanzati di leggere e rileggere il capitolo 26 della Ribhu Gita e ‘Tutto è Uno’. Perché? Perché quella è meditazione, non una lettura.

Egli ha consigliato questi 2 testi perché allora non esisteva ancora ‘Sii Ciò Che Sei’ che è il migliore in assoluto e che io consiglio vivamente. Leggendo e rileggendo questo sacro testo, le false credenze si indeboliranno e alla fine scompariranno. E quando si diradano e poi compaiono le nuvole nel cielo, cosa resta? Ciò che è sempre stato, e che sempre sei stato e sarai: il puro CIELO! Il SÉ!, che avverti come senso dell’io, puro essere, pura coscienza, testimone neutrale, presenza.

Nel leggere però si può nascondere una disfunzione o una via di fuga dell’ego. L’aspirante (soprattutto nella fase iniziale) incontra delle difficoltà, allora se manca di una buona guida prende a sostituire l’autoindagine con un continuo leggere libri spirituali mantenendo così attiva la propria mente. È una via di fuga, come quelle persone che devono continuamente fare qualcosa per sfuggire alla possibilità di rimanere sole con sé stessi.

Questo non va bene. L’autoindagine deve continuare durante tutto il tempo della veglia, senza pause, che è lo stato dei tre in cui puoi esercitare la volontà; poi gradualmente si propaga al sogno (sogni lucidi) e al sonno (pura presenza luminosa). Io, quando traduco un testo, operazione che richiede tutta la propria attenzione, vedo Sergio che traduce rimanendo nella perfetta inazione! Inoltre, pur non chiedendoti di negarti qualche lettura che ti interessa, io non consiglio di leggere. Consiglio di leggere e rileggere un sol libro realizzativo di Verità, e consiglio ‘Sii Ciò Che Sei’, in seconda battuta ‘Tutto è Uno’, anche titolato ‘Ellam Ondre’. Ve ne sono ovviamente anche altri validi, ma non è il caso di stilare una lista.

Spero di aver risposto alla tua domanda.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio, Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.