Ritiri

Sergio: — Come è stato il rientro dal Ritiro?

Risposta 1: — Molto bene, non mi sono mossa dallo sfondo.

Risposta 2: — Molto bene! Nelle diadi che ho fatto al Ritiro prevaleva la percezione dell’Abbraccio (Grembo di Dio), dell’essere ‘accompagnati’. L’io che abbandona la presunzione e l’orgoglio di essere l’agente… diventa uno strumento del Sé. L’io che si spoglia dell’io, per dirla con Ramana.

Sergio: — Quando la frequenza ai Ritiri è maggiore (1 ogni 1-2 mesi), non si esce più dal Ritiro, la meditazione diventa spontaneamente continua. Ovviamente questo può essere sostituita dalla pratica individuale, ma per chi ha problemi con la pratica individuale i Ritiri sono una soluzione e dare forza e accelerazione a tutto il processo.

 

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Report dai Ritiri e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.