saluti da un’illuminata

Domenica sera. Ricevo un messaggio da una relazione molto stretta, che vive lontano, almeno a me sembra così. Guardo le righe e so già cosa c’è scritto ancor prima di leggere. Lei ormai è stabile da un bel po’. Ma forse non lo sa perché crede che la mente di un realizzato non abbia mai la luna di traverso. Forse però non è questo. È che non le interessa dare definizioni; così io, l’ultima volta che l’ho sentita a telefono, non ho detto niente. Ma prima di leggere le righe, sapevo già come stava. E dopo averle lette: pieno di gioia quieta e di pace eterna il mio cuore.

* * *

Ciao Sergio, Come stai?

Vagolo, tra risvegli notturni di energia,
momenti di angoscia, silenzio
e una quotidianità che mi tiene costantemente impegnata

Oggi torno a casa in auto e ho la sensazione
di toccare tutto

La percezione di una presenza non-presenza
che attraversa la materia
e passa indifferentemente
e perpetuamente
dalla vita alla morte
per poi tornare e tornare ancora

È un senso di vuoto che vuoto non è
ma che non è neppure pieno
perché mai si può riempire qualcosa che non c’è

Una presenza indifferente all’angoscia come alla felicità
che Esiste
senza mai potersi definire o delimitare.
Che passa sfacciatamente dalla beatitudine al vuoto
senza chiedere il permesso
perché sa che beatitudine e vuoto si equivalgono
così come qualsiasi altra definizione
che lo sguardo vuol dare
perché incredulo e non abituato al niente

Mi ritrovo piena di Niente
Grata all’Universo

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio, Dialoghi dal Sangha. Contrassegna il permalink.