se non consideri lo stato di Grazia l’unica cosa importante…

Roberta 01

Aspirante: — Non importa lo stato di grazia in cui mi trovo, alcune cose mi fanno precipitare dalle stelle alle stalle.

Roberta Gamba: — È perché non consideri lo stato di Grazia l’unica cosa importante. Identificandoti con le proiezioni della mente, cadi dalle stelle alle stalle.

Aspirante: — In generale non smetto di ringraziare per tutto, ma il non sentirmi accolta continua a farmi male e così tra un ringraziamento e l’altro ci metto un ‘vai al diavolo’… Solo che così non vale, perché è una cosa che mi tocca nel profondo e mi rendo conto che mi blocca. Penso che sia un grosso nodo che devo ancora sciogliere.

Roberta: — Ringraziare tutto significa TUTTO. Il non sentirsi accolti accade perché il tuo desiderio (vasana) aspira che sia ‘un altro’ a doverti accogliere. Non sarà ‘mai qualcuno’ ad accoglierci e darci la pace naturale che già siamo. Solo il nostro intimo Sé può farlo.
Il nodo è evidente: identificata con il corpo-mente cerchi la pace per questa proiezione illusoria che chiami ‘io’.
La pace subentra solo quando l’abbandono è TOTALE e senza giudizio.
Ogni cosa va ringraziata, perché se c’è significa che è la cosa giusta per crescere in Consapevolezza.
È la ‘Pura Consapevolezza’ che cura ogni cosa. Se si sceglie il benessere del corpo-mente, Essa non può brillare sola.

Aspirante: — Forse però è il caso che prosegua con la sadhana che è la Via più diretta.

Roberta: — Devi praticare il discernimento tra ciò che è Reale e ciò che non lo è.
Il Sé già brilla nel tuo Cuore.
La mente distoglie la ‘Presenza impersonale’ dal tuo ‘VEDERE’.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Dialoghi dal Sangha, Roberta Gamba Sakshi e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.