sei ancora qualcosa?

Sei qualcosa?
C’è la vita là fuori?
Devi fare qualcosa?
Aspetti qualcosa?
Devi andare da qualche parte?

Hai perso qualcosa?
Hai mancato qualcosa?
Un desiderio non si è realizzato?
Un successo è tramontato troppo presto?
È rimasta in sospeso una comunicazione con qualcuno?

Have a good dream…

…Oppure nella meditazione passa lunghi periodi non rispondendo alle spinte di attrazione e repulsione*.

* Non appena rinunci alle spinte di attrazione/repulsione, dopo pochi secondi sei già nel Sé (e se hai già avuto quella esperienza, ti sarà familiare). Un sadhaka avanzato che voglia la realizzazione dovrebbe fare questo continuamente. La vacuità sarà immediatamente chiare, e appariranno quelle aree che crediamo ancora, magari inconsciamente, che esistano… Inoltre tale pratica permette all’aspirante di abituarsi a che non c’è niente. E su tutto il Sé, Unica Realtà.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.