Sono morto il 28 aprile 2013

Ricevo da un amico:

Sono morto il 28 aprile 2013.

Il dolore atroce [la morte di un proprio caso] sospese il senso del tempo e del fare. Allora non me ne sono accorto perché prevalse l’acutezza del dolore, ma col crollo di ogni traccia di sicurezza e di ‘comfort zone’ restava solo la testimonianza di ciò. Da un lato la sofferenza intensa, dall’altro mi sentivo ovattato e come accolto da una presenza amorevole che suggeriva un senso di sollievo. Solo dopo il mind clearing ho ricordato questo. Se avessi fatto clearing prima di quel giorno probabilmente mi sarei realizzato allora.

Chi mi conosce vede questa forma lavorare, impegnarsi, costruire… Solo per gioco, per rispetto di coloro che ancora non sono pronti, e antico senso del dovere, sembro coinvolgermi in questo apparente mondo, ombra insostanziale della perpetua luce.

Dedico questo post a coloro che sono o sono stati straziati dal dolore per causa di perdite o malattia. Lasciate che questo dolore porti via la credenza acquisita, quindi non originaria, di essere una forma.

È il fuoco la cui luce dissipa spontaneamente ciò che luce non è.

Dove lo sguardo incatenato dai condizionamenti genealogici, vedendo il limitato, giunge alla conclusione di essere limitato, Tu, invece che andando con coraggio controcorrente aspiri alla liberazione, puoi di certo vedere la prova dell’INFINITÀ, semplicemente restando inalterato come inalterato resta lo Spettatore al termine dello spettacolo.

Agli altri chiedo: prima della prima volta che hai riconosciuto te stesso come la persona che credi di essere, chi eri? Nel sonno di ogni notte in cui sparisce ogni traccia di ciò a cui pensi forsennatamente durante il giorno, chi sei?

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.