stato naturale

Il Guru è la mente senza concetti. Questo è ciò che ti può dare adesso il Guru.
È chiamata lo stato naturale o sahaja.
I concetti sono i fotogrammi che proiettano il film di Maya.
Quando non ci sono, c’è pura Consapevolezza, la vera natura.
L’esperienza diretta è un risveglio; nello zen è chiamata Kenshō.
Ken vuol dire vedere, shoo vuol dire natura.
Ma come sai, dopo l’esperienza diretta uno si ritrova un essere umano più o meno come prima.
Bisogna stabilizzare la vera natura.
Questa pratica di stabilizzazione nello dzogchen è chiamata Thekchod e nello zen Shikantaza.
Tu stai nello stato naturale, in uno stato ti pura consapevolezza o osservazione,
e continui la pratica fin quando non c’è più niente che ti butta fuori.
Quando non c’è più niente che ti butta fuori, stai nello stato naturale…
Praticando nella veglia, questo processo si apre gradualmente anche nel sogno e  nel sonno.
Quando niente più nella veglia, nel sogno e nel sonno ti butta fuori, allora è fatta.
Altro che gli insegnamenti di oggi che dicono che non c’è bisogno di nessuno sforzo…
Tu puoi sussumere in te tutta la creazione,
dunque non ci dovrebbe essere niente dell’illusione che possa influenzarti.
Sei pronta ad accettare che non c’è niente di niente,
che tutto è vacuo, tranne la pura consapevolezza (o puro essere)?
Hai tempo per praticare? Se sì, quanto?

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.