quando sono sveglia, quando dormo e quando sogno: Io Sono

Ciao Marco.

Ho praticato autoindagine con il koan ‘stai nell’osservare’.

Non è profondo come quando pratichiamo insieme, ma ti racconto com’è andata.

Inizio con una postura comoda e subito sento meno il corpo, poi appena chiudo gli occhi non ci sono più immagini e percepisco un nulla, e mi metto in osservazione. La mia mente comincia a fare una discussione tanto inutile quanto sterile con una persona che neanche è presente in questo momento nella mia vita.

Osservo e mi infastidisco, il corpo si irrigidisce.

Ricomincio tutto da capo, e ricomincia di nuovo la discussione…

Sono stanca, sento inutile il lavoro di oggi, e mi chiedo perché faccio così.

Improvvisamente divento ‘io’ tutto il percepito, in qualsiasi forma. Ogni persona presente nella mia vita sono ‘io’, ogni situazione sono ‘io’. ‘Io sono’ quando sono sveglia e quando dormo e quando sogno: ‘sono io’.

Capisco che se vivo altre esperienze che sento separate da me è a causa di uno stato di coscienza che non mi permette di fondermi col tutto. E forse questo serve per proteggere l’equilibrio dell’individuo!

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Dialoghi dal Sangha, Marco Mineo. Contrassegna il permalink.