Il Koan Ramdas

Ricordate la storia di Ramdas? Lui va in pellegrinaggio per vedere Dio ovunque e in ogni cosa, e alla fine realizza il nirvikalpa in una grotta di Arunachala. Per questo ho dato il suo nome al Koan: “VEDI DIO IN CIÒ CHE APPARE ALLA TUA COSCIENZA”. Il partner che medita riceve l’istruzione, chiude gli occhi e fa l’intento di veder Dio in ciò che appare alla sua coscienza. Terminato quel ciclo apre gli occhi e offre (comunica) al partner che ascolta il risultato della sua meditazione – Continua a leggere →

ritiro di pasqua – report 1

Al ritiro di Renato ho avuto la conferma della differenza che corre fra quanto mi succede nella vita ordinaria e quello che avviene nei Ritiri intensivi. È infatti un periodo che mi sento preso e distratto da azioni compulsive, soprattutto di un certo tipo, e faccio fatica a ‘perdonarmi’ questo perché ci vedo una perdita di consapevolezza; e d’altra parte, e per contrasto, sento dentro la fiducia che comunque in un Ritiro serio tutto questo non accade, e in effetti così succede sempre, Continua a leggere →

aprite quella porta

— Maestro, oggi ero seduto in macchina come passeggero e guardavo i paesini passare. Ad un certo punto, mentre vedevo un uomo in lontananza che camminava costeggiando il canale, ho sentito una sensazione di grande calma, e entravo in profondità. Non c’erano più le solite sensazioni – spesso anche dolorose – ma aveva preso spazio una dimensione molto più interessante è ricca di fascino. Questo è durato circa un’ora un’ora e mezza. Poi sono risalito in superficie, ma ero sempre molto Continua a leggere →

ama ciò che appare nella tua coscienza

— Mi manca non riuscire a frequentare i Ritiri come prima… Gli ultimi giorni sono stati piuttosto pesanti. Ogni tanto si aprono momenti bellissimi. Tempo fa passeggiavo e a un certo punto ho pensato “C’è un luogo di pace che non è qui e io so dov’è”. Ho avuto la sensazione di muovermi velocemente e subito mi sono ritrovata là... Stavo camminando, ma ho perso la sensazione del corpo mentre e per il resto… non saprei dire niente, se non che era davvero pace, e infinita e, la cosa Continua a leggere →

un ciclo di ritiri

Con il Ritiro del 1° Marzo 2018, “Sii ciò che realmente sei”, inauguro un ciclo di Ritiri, reso logisticamente possibile dalla disponibilità di Anna Giuriatti (Annapurna) di mettere a disposizione del progetto il suo meraviglioso e silente B&B, anche in alta stagione. Annapurna, che per me è un’amata sorella spirituale, non offre soltanto un’accoglienza materiale: è fonte di grande ispirazione dovuta alla sua bhakti di elevatissima maturità. Il ciclo nasce da una mia conoscenza Continua a leggere →

fede nel guru e nell’insegnamento

— Maestro, probabilmente la purificazione sta procedendo bene. Questa notte ho sognato che ero in diade con degli sconosciuti e, improvvisamente, alcune persone hanno iniziato a parlare come se fossero indemoniati, con gli occhi che si ingrandivano ed anche io parlavo con una voce simile a quella del diavolo nel film l’esorcista. Ricordo in particolare un bambino che si trasformava come nei film horror parlando come se fosse indemoniato. Ad un certo punto, in preda al terrore ed al panico più Continua a leggere →

post ritiro

Ciao Sergio. In questo periodo post Ritiro, momenti, anzi giornate intere in cui ciò che mi passa davanti appare lucente e meraviglioso, e giornate in cui mi sembra di essere ‘fuori’. Si aprono da soli, momenti in cui Tutto è intensamente fermo e non capisco più dove mi colloco io e chi è che lo percepisca – questa è una traduzione a posteriori, ma in qualche modo devo dirlo. Intanto mi sto esercitando ad andare in motorino alla napoletana, per ora è piuttosto divertente... Anche questo Continua a leggere →

la forza di amare

Pace e stabilità interiori dipendono dalla vostra capacità di amare. Dice Anna Giuri: “Attraverso giornate così difficili e pesanti, Sergio, e comunque arrivo gioiosa alla sera. Questo è davvero un dono immenso; infatti è un viaggio d’amore nell’amore per l’amore!”. Il potere dei Ritiri di Autoindagine nasce proprio da questo. Diade dopo diade l’idea e la sensazione di separazione si assottiglia. La coscienza ‘Io Sono Te, Tu Sei Me’ emerge sempre di più, fino a diventare Continua a leggere →

RITIRO LUNGO – REPORT 3

— Le tue indicazioni, la pratica individuale e i Ritiri portano grandi benefici. Sto imparando a dimorare nella Consapevolezza che, a volte, si amplifica. Gli stati sono più piacevoli, rilassati e vedo molte paure, molti comandi e molti condizionamento inconsci. Ma l’Altissimo, Quello che si fa vedere per una frazione di secondo e poi scompare, in quello non riesco a dimorare, non lo riesco a vedere e fa quello che gli pare. Renato ci ha detto che Quello non è uno stato mentale. Quindi io Continua a leggere →