quella è la liberazione

— Sabato e domenica ho meditato molto, circa quattro ore al giorno. Ieri sera ho fatto due sessioni: la prima di 45 minuti e la seconda ho dovuto interromperla perché a un certo punto è come se si fosse aperta una porta nera sotto di me e da quella porta vedevo degli esseri neri che saltellavano. Ho avuto una grande paura e quindi sono andato a dormire. Il sonno si è trasformato ben presto in un incubo – forse per quello che non sono riuscito a confrontare – in quanto vedevo vicino a me Continua a leggere →

di’ «GRAZIE!», con tutto il cuore, a tutto quello che viene verso di te

— A volte la vita mi pesa così tanto che penso che solo con la morte potrò avere la realizzazione. — No. Abbiamo visto che la vita non è altro che il Divino manifesto, e che non c’è vera differenza tra Divino manifesto e Divino immanifesto, c’è un solo il DIVINO! Perciò tu muori spiritualmente (la morte dell’ego, la realizzazione spirituale) quando non hai più resistenze verso la vita, quando a tutto quello che viene verso di te dici “GRAZIE!!!”, con tutto il cuore!!! Questo Continua a leggere →

una depressione parecchio forte addosso

— Jai, caro Sergio. Ti confesso che sento una depressione parecchio forte addosso. Sento il peso del fallimento su molti fronti e una non accettazione dell’attuale situazione. L’idea della lotta per sopravvivere e.c etc... Mi disgusta... Sento la frustrazione di tanti sforzi che nella migliore delle situazioni hanno messo solo una piccola temporale pezza alla situazione... E così in un costante ciclo per anni... O forse vite da come percepisco ora... — È un momento delicatissimo la depressione Continua a leggere →

La più grande grazia del Sadguru

Turiya è vivere oltre il mondo e le sue condizioni. Dopo il buio e il vuoto del piano causale, ora sperimenti la luce e la pienezza del piano supercausale. Tu continui ad esistere come Essere Universale oltre ogni altra apparenza fenomenica. Oltre Turiya tu sei morto. Non c’è più nessuna esistenza. Ciò che fa sì che tu sembri vivo sono solo i meccanismi della tua forma corpo-mente; niente che abbia a che fare con te. Poiché sembra che tu esista, l’unica spinta impersonale che senti è: Continua a leggere →

Tu sei lo Sconosciuto

Rileva il senza forma dietro la forma L’atemporalità dietro il trascorrere del tempo La quiete dentro il caos Tu sei lo Sconosciuto, l’Inconoscibile. Ciò che la gente chiama ‘inconscio’, pensando erroneamente solo a qualcosa di freudiano, Quello sei tu. Se fossi l’oceano, allora la coscienza non sarebbe niente più che la spuma torbida in cresta alle onde. Ha volte può succedere che non sai come usare la mente, e che a causa di questo possano risultare degli errori; ma nessun Continua a leggere →