una preparazione maggiore

A un certo punto l’aspirante comincia ad avere delle esperienze dirette, dei samadhi temporanei. Proseguendo egli si sente sempre meno separato da tutto il resto e quindi sta meglio: è più gioioso, amorevole… Ma questo stadio non implica un grande distacco dall’essere un ‘essere umano’, cioè dal corpo-mente. Spesso quelle esperienza dirette avvengono mentre c’è la percezione del mondo con cui ci si sente UNO, perciò vengono chiamati ‘samadhi esterni’.

Per essere preparati alla morte (del corpo) dovete aver raggiunto una disidentificazione totale dallo stato essere umano e dal mondo. Dovete diventare familiari col sonno profondo. Nel sonno profondo non ci sono percezioni, non c’è mente, ma normalmente si è incoscienti. Mentre il sonno profondo del realizzato è come una meravigliosa notte senza stelle permeata solo dalla luce (metaforicamente parlando) placida dell’autoconsapevolezza del Sé. Perciò egli può entravi sempre, anche durante lo stato di veglia, e infatti viene chiamato ‘sonno desto’.

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Uno dei maestri risponderà alle vostre lettere.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.