vedi ‘ciò che è’ nel ‘come è’

Amata,

perché Ananta si realizza in un carcere giapponese dove veniva controllato ogni istante del suo comportamento e del corpo?
Perché quella soppressione non le lascia la possibilità di desiderare altro. Ella è costretta infine a mollare le istanze di attrazione/repulsione.
Allora deve accettare ‘come è’.
Così facendo le increspature della superficie – le onde – si chetano e lasciano apparire ‘ciò che è’, il fondo senza tempo immobile indifferenziato.
Questo fondo è Coscienza.
Non solo tu sei Coscienza, ma tutte le apparenze che percepisci sono pure Coscienza. Continuamente sei Coscienza che contempla Coscienza:
Silenzio, Nulla (che è la Coscienza Pura), ma anche Ananda!

Il primo passo indispensabile per vedere il noumeno (la Pura Coscienza) nel fenomeno è accettare il fenomeno. Viceversa vi sarà un ego che si contrappone o giustappone al fenomeno, niente di più.

Come sadhana ti suggerisco quest’unica pratica: sforzati di vedere la Pura Coscienza (ciò che è) in tutte le forme e gli accadimenti che ti si presentano (come è).

Tu puoi provare intensi desideri, o compulsioni, o paure, puoi essere virtuosa o peccatrice, puoi far male o far bene… NON IMPORTA!!! L’importante è che tu SEI la Pura Coscienza che osserva tali fenomeni.

Oltre a questo, cerca di vedere la Pura Coscienza come sostanza dei fenomeni stessi.

Devi stabilizzare la tua identità nella Pura Coscienza. A mano che questo avviene, il coinvolgimento coi fenomeni che riguardano la tua persona andrà scemando.

Tienimi informato della tua pratica.

Ti voglio molto bene!
Sergio

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli_di_Sergio, Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.