vuoto

A. — Ciao Sergio. Belle le cose che hai postato. Ho appena finito di leggere quel passo di Osho sulla mente… Quando dice: “Osserva la mente, e guarda dov’è, che cos’è. Scoprirai che i pensieri galleggiano, e che esistono spazi intermedi fra l’uno e l’altro”… Mi stupisco ancora di quanto siano ‘ripetibili’ le esperienze spirituali. Se mi avessero chiesto di visualizzare ciò che ho visto in quell’istante in cui ho avuto la percezione del Vuoto avrei detto tanti pensieri, ognuno chiuso in una bolla, galleggianti nel nulla.

Sergio — Sono ripetibili perché è la Realtà. La Realtà spirituale è dimostrabile, solo che è psichica, non fisica. Non si può portare un oggetto fisico a riprova; richiede che l’altro si impegni in una purificazione mentale fino a realizzare l’esperienza del Reale.
Che fare ora di questa esperienza profonda del Vuoto? Prendila e con la volontà portala nel corpo e nel mondo fisico. Quando la perdi non farne un problema. Riprendila e mantienila nel corpo e nel mondo fisico.
Questa pratica dev’essere sostenuta dall’autoindagine perché ci saranno impressioni/desideri che devono essere ancora purificati. Perciò in meditazione ritorna a quel Vuoto e abbandonati.
Inoltre, da questo Vuoto osserva la sensazione di ‘io individuale’.

Marco — In un testo Chán molto vicino all’autoindagine è scritto che praticando assiduamente l’indagine sul ‘chi’, nel giro di 3 anni “lo splendore non può mancare di arrivare”… Come se fosse scientificamente sicuro!

Sergio — Io ho visto che anche se solo ci si chiede costantemente (senza dare una risposta mentale) “Che cos’è quest’esistenza, questa vita?”, “Che cos’è questa mente (i pensieri)?” si raggiunge immediatamente la posizione dell’osservare distaccato e si arriva presto al Vuoto. Bisogna farlo costantemente.
LA VERITÀ È CHE CON UN’AUTOINDAGINE ZELANTE CI SI REALIZZA IN 2-3 ANNI!!  Troppo per la maggior parte dei cosiddetti ricercatori. Sono pochi quelli animati da un ardente desiderio di liberazione… Roberta ci ha messo 2 anni, ma praticava 18 ore al giorno…

 

Informazioni su Sergio Cipollaro

Io e gli altri Maestri della nostra famiglia spirituale – Anna Gagliano, Cristina, Marco Mineo, Renato Cadeddu, Roberta Gamba e Sara Salvatico – insegniamo l’Autoindagine, la ricerca del Sé, secondo la nostra esperienza diretta e gli insegnamenti dell’Advaita “classica”. Nessun fine di lucro! Unici due requisiti richiesti agli allievi: sincero desiderio di realizzare l’Assoluto, accedere all’insegnamento con abbandono e amore. Dato che abbiamo ricevuto molte e-mail da persone non mosse da serie intenzioni, che hanno chiesto la nostra guida e dopo uno o due contatti non si sono più vive, per verificare la serietà delle intenzioni abbiamo deciso che chi vuole ricevere la nostra guida per l’autoindagine deve prima partecipare a un nostro Ritiro di Autoindagine.
Questa voce è stata pubblicata in Dialoghi dal Sangha e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.