1073. le attività dell’uomo ignorante, del sadhaka e del jivan-mukta

Un’attività ha due parti, la parte materiale e la parte della conoscenza. Nessuna attività è possibile a meno che non sia registrata nella conoscenza.

L’uomo ignorante, nelle sue percezioni, ignora la parte della conoscenza e enfatizza solo la parte materiale dell’oggetto.

Il sadhaka, l’aspirante spirituale, all’inizio cerca di enfatizzare – almeno in ugual misura – la parte della conoscenza e la parte materiale, e verso la fine della sua sadhana dà più enfasi alla parte della conoscenza che a quella materia.

Il jivan-mukta ignora completamente la parte materiale e riconosce ed enfatizza solo la parte della conoscenza; ma visto dall’esterno sembra che enfatizzi consapevolmente anche la parte materiale.

[Notes on Spiritual Discourses of Sri Atmananda]

Condividi questo post:
RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter