1166. che cos’è l’Advaita (non-dualità)?

L’Atma, la Verità ultima indicata dall’Advaita, è l’unica realtà che È. Tutto il resto è solo un’apparenza poggiata sull’Atma.

La Verità è impercettibile ma l’uomo comune conosce solo le sue percezioni. L’Advaita è un metodo per guidare l’uomo ignorante dal percepito (oggetto) alla Verità ultima.

L’Advaita si riferisce alla dualità (al due). Questo ‘due’ è molto spesso frainteso col numero due. No, questo ‘due’ rappresenta il ‘due’ di base, vale a dire: il soggetto-oggetto, o percipiente-percepito; esso perciò è il padre dei molti.

Il tuo riconoscere come reale questo due di base è anche chiamato l’errore di base. La rimozione di tale errore e il ripristino della Verità Ultima è lo scopo dell’Advaita (non-dualità).

onnayaninneyiha rantennu kantalavil
untayorintal bata mintavatalla mamma
pantekkanakkevaruvan nin krpavalikal
untakayebkal iha narayanaya namah.

Quando ciò che è sempre stato UNO
è visto come due, si presente
una penosa frustrazione e un rimpianto
di cui non è possibile dire pienamente.
Per realizzare la vera, originale causa,
oh Signore possa la tua Grazia
piovere su di me che ti venero.

Efuttacchan, Harinama-kirttanam

La citazione indica te come Felicità nel ritiro quotidiano del sonno profondo.

Questo processo [di rimozione dell’errore] è abbastanza facile. La diversità infinita può essere facilmente ridotta alla dualità di base del soggetto-oggetto.

Applicando i test di veritàl’immutabilità e l’auto-luminosità – al soggetto e all’oggetto, essi appaiono facilmente come mera apparenza e irrealtà. Quando l’apparenza viene così eliminata, lo sfondo comune, che è Pura Coscienza, rimane al di sopra di essi e risponde a tutte le prove di Verità. Esso è dunque quella stessa Verità che si presenta in apparenza come mondo della diversità.

Il positivo reca sempre in sé una traccia di contaminazione mentale. Quando il mondo è negato come irreale, ciò non significa che la Verità sia positiva. Positivo è anche un termine relativo che sta nel il regno della mente. La Verità va oltre positivo e negativo ed è lo sfondo di entrambi. Il termine ‘positivo’ viene inizialmente utilizzato come mezzo per eliminare da te tutto ciò che è negativo [il non-Sé]. Quando tutto ciò che è negativo viene eliminato, quello che rimane come il presunto ‘positivo’ non appare più positivo, perde la sua relatività e sta nella sua gloria come la VERITÀ ULTIMA. È per questo che il Supremo è indicato in modo negativo come Non-Dualità.

[Notes on Spiritual Discourses of Sri Atmananda]

Condividi questo post:
RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter